Android 11-5 Nuove funzionalità di sicurezza e privacy che devi conoscere

Dopo una lunga attesa e mesi di beta test, la scorsa settimana Google ha finalmente rilasciato Android 11 , l’ultima versione del sistema operativo mobile Android, con funzionalità che offrono a miliardi di utenti un maggiore controllo sulla sicurezza dei dati e sulla privacy.

La sicurezza di Android è sempre un argomento caldo e quasi sempre per il motivo sbagliato, incluso il fallimento di Google nell’impedire la distribuzione di app dannose attraverso il Play Store, la rivendicazione eccessiva delle autorizzazioni da parte delle app e le perdite di privacy.

Sebbene la maggior parte di tali problemi possa essere evitata fintanto che gli utenti traggono vantaggio dalle funzionalità già disponibili e da un po ‘di buon senso, la maggior parte degli utenti non è ancora a conoscenza o non segue le pratiche di sicurezza di base.

Secondo l’ultimo annuncio di Google, l’ultimo sistema operativo Android 11 include alcune nuove misure integrate progettate per proteggere i dati degli utenti per impostazione predefinita, aumentare la trasparenza e offrire un controllo migliore.

Invece di immergerci in profondità in modifiche più piccole o più estese, abbiamo riassunto alcuni aggiornamenti delle funzionalità di sicurezza e privacy critici offerti da Android 11 che contano di più.

1.) Autorizzazioni una tantum

Come una funzionalità già esistente su iOS, la funzione “autorizzazione una tantum” consente agli utenti di concedere alle app l’accesso monouso alle autorizzazioni più sensibili del dispositivo, come posizione, microfono e fotocamera.

Pertanto, le app devono acquisire nuovamente le autorizzazioni prima di rivalutare i sensori. Questa funzione non è nuova in Android, ma in precedenza era disponibile solo per essere utilizzata durante il download di una nuova app da Google Play Store.

Alcune app possono attivare la stessa richiesta di autorizzazione dopo l’installazione e altre durante l’accesso ai sensori per la prima volta, aumentando il livello di privacy.

2.) Ripristino automatico delle autorizzazioni per le app inutilizzate

Questo è nuovo. Potrebbe esserci uno scenario in cui non interagisci con un’app installata per mesi o te ne sei completamente dimenticato dopo aver scaricato e concesso le autorizzazioni richieste.

Oltre a rappresentare una minaccia per la tua privacy, tali app potrebbero continuare a consumare le risorse hardware del tuo dispositivo o continuare ad accedere ai tuoi dati in background.

Per affrontare tali scenari, la nuova funzionalità di ripristino automatico delle autorizzazioni di Android 11 consente al sistema operativo mobile di ripristinare automaticamente le autorizzazioni di runtime sensibili per un’app che l’utente non ha utilizzato per alcuni mesi.

Da notare, puoi sempre concedere nuovamente le autorizzazioni a tali app ogni volta che le utilizzi di nuovo.

3.) Patch di sicurezza rapide tramite i moduli Play Store

Sebbene Google ora richieda ai produttori di smartphone di distribuire aggiornamenti di sicurezza regolari agli utenti, continua a non aiutare gli utenti finali a correggere vulnerabilità critiche prima che gli hacker le sfruttino.

Con Android 11, l’azienda ha aumentato l’integrazione dell’app Google Play Store sul dispositivo, consentendole di scaricare e installare istantaneamente patch di sicurezza del sistema operativo critiche come moduli, proprio come un’app, dai server di Google.

In altre parole, gli utenti di Android 11 riceveranno patch di sicurezza e bug non appena saranno disponibili invece di fare affidamento sui produttori di dispositivi per rilasciare aggiornamenti a livello di sistema operativo.

4.) Applicazione dell’archiviazione con ambito per proteggere i dati

Introdotto nella versione Android Q lo scorso anno, l’applicazione dell’archiviazione con ambito è disponibile anche nell’ultima versione con piccole modifiche . Come abbiamo spiegato in un articolo precedente, l’ archiviazione con ambito offre a ciascuna app un’area di archiviazione isolata sul dispositivo in modo che nessun’altra app installata sullo stesso dispositivo possa accedere direttamente ai dati salvati da altre app.

Poiché è abilitato per tutte le app per impostazione predefinita, le app non richiedono autorizzazioni speciali per salvare e accedere ai propri file in modalità sandbox sulla memoria esterna.

Tuttavia, si supponga che un’app richieda l’autorizzazione relativa all’archiviazione in fase di esecuzione. Significa che l’app richiede un ampio accesso alla memoria esterna.

5.) Limitare l’accesso non necessario alla posizione in background

Una delle modifiche più significative alla privacy in Android 11 riguarda l’ulteriore limitazione dell’accesso delle app alla posizione in background del dispositivo .

Quando un’app richiede l’autorizzazione per accedere alla tua posizione, Android 11 garantisce prima di concedere solo la posizione in primo piano e, se richiede l’accesso alla posizione anche dallo sfondo, l’app deve effettuare una richiesta di autorizzazione separata.

Questa seconda richiesta richiede che gli utenti seguano passaggi aggiuntivi; invece di premere ciecamente “ok ok, consenti” dal prompt. Quindi le app non hanno accesso a più dati del necessario.

Per abilitare l’accesso alla posizione in background, gli utenti devono impostare l’opzione “Consenti sempre” per l’autorizzazione alla posizione dell’app in una pagina delle impostazioni.

Oltre a questo, Google richiede anche agli sviluppatori di app Android di spiegare perché la loro app necessita dell’accesso alla posizione in background in primo luogo.

Quindi questa è stata una breve introduzione a tutte le importanti funzionalità di sicurezza e privacy disponibili per gli utenti di smartphone con l’ultimo Android 11.