Smartphone

Android 11-5 Nuove funzionalità di sicurezza e privacy che devi conoscere

Dopo una lunga attesa e mesi di beta test, la scorsa settimana Google ha finalmente rilasciato Android 11 , l’ultima versione del sistema operativo mobile Android, con funzionalità che offrono a miliardi di utenti un maggiore controllo sulla sicurezza dei dati e sulla privacy.

La sicurezza di Android è sempre un argomento caldo e quasi sempre per il motivo sbagliato, incluso il fallimento di Google nell’impedire la distribuzione di app dannose attraverso il Play Store, la rivendicazione eccessiva delle autorizzazioni da parte delle app e le perdite di privacy.

Sebbene la maggior parte di tali problemi possa essere evitata fintanto che gli utenti traggono vantaggio dalle funzionalità già disponibili e da un po ‘di buon senso, la maggior parte degli utenti non è ancora a conoscenza o non segue le pratiche di sicurezza di base.

Secondo l’ultimo annuncio di Google, l’ultimo sistema operativo Android 11 include alcune nuove misure integrate progettate per proteggere i dati degli utenti per impostazione predefinita, aumentare la trasparenza e offrire un controllo migliore.

Invece di immergerci in profondità in modifiche più piccole o più estese, abbiamo riassunto alcuni aggiornamenti delle funzionalità di sicurezza e privacy critici offerti da Android 11 che contano di più.

1.) Autorizzazioni una tantum

Come una funzionalità già esistente su iOS, la funzione “autorizzazione una tantum” consente agli utenti di concedere alle app l’accesso monouso alle autorizzazioni più sensibili del dispositivo, come posizione, microfono e fotocamera.

Pertanto, le app devono acquisire nuovamente le autorizzazioni prima di rivalutare i sensori. Questa funzione non è nuova in Android, ma in precedenza era disponibile solo per essere utilizzata durante il download di una nuova app da Google Play Store.

Alcune app possono attivare la stessa richiesta di autorizzazione dopo l’installazione e altre durante l’accesso ai sensori per la prima volta, aumentando il livello di privacy.

2.) Ripristino automatico delle autorizzazioni per le app inutilizzate

Questo è nuovo. Potrebbe esserci uno scenario in cui non interagisci con un’app installata per mesi o te ne sei completamente dimenticato dopo aver scaricato e concesso le autorizzazioni richieste.

Oltre a rappresentare una minaccia per la tua privacy, tali app potrebbero continuare a consumare le risorse hardware del tuo dispositivo o continuare ad accedere ai tuoi dati in background.

Per affrontare tali scenari, la nuova funzionalità di ripristino automatico delle autorizzazioni di Android 11 consente al sistema operativo mobile di ripristinare automaticamente le autorizzazioni di runtime sensibili per un’app che l’utente non ha utilizzato per alcuni mesi.

Da notare, puoi sempre concedere nuovamente le autorizzazioni a tali app ogni volta che le utilizzi di nuovo.

3.) Patch di sicurezza rapide tramite i moduli Play Store

Sebbene Google ora richieda ai produttori di smartphone di distribuire aggiornamenti di sicurezza regolari agli utenti, continua a non aiutare gli utenti finali a correggere vulnerabilità critiche prima che gli hacker le sfruttino.

Con Android 11, l’azienda ha aumentato l’integrazione dell’app Google Play Store sul dispositivo, consentendole di scaricare e installare istantaneamente patch di sicurezza del sistema operativo critiche come moduli, proprio come un’app, dai server di Google.

In altre parole, gli utenti di Android 11 riceveranno patch di sicurezza e bug non appena saranno disponibili invece di fare affidamento sui produttori di dispositivi per rilasciare aggiornamenti a livello di sistema operativo.

4.) Applicazione dell’archiviazione con ambito per proteggere i dati

Introdotto nella versione Android Q lo scorso anno, l’applicazione dell’archiviazione con ambito è disponibile anche nell’ultima versione con piccole modifiche . Come abbiamo spiegato in un articolo precedente, l’ archiviazione con ambito offre a ciascuna app un’area di archiviazione isolata sul dispositivo in modo che nessun’altra app installata sullo stesso dispositivo possa accedere direttamente ai dati salvati da altre app.

Poiché è abilitato per tutte le app per impostazione predefinita, le app non richiedono autorizzazioni speciali per salvare e accedere ai propri file in modalità sandbox sulla memoria esterna.

Tuttavia, si supponga che un’app richieda l’autorizzazione relativa all’archiviazione in fase di esecuzione. Significa che l’app richiede un ampio accesso alla memoria esterna.

5.) Limitare l’accesso non necessario alla posizione in background

Una delle modifiche più significative alla privacy in Android 11 riguarda l’ulteriore limitazione dell’accesso delle app alla posizione in background del dispositivo .

Quando un’app richiede l’autorizzazione per accedere alla tua posizione, Android 11 garantisce prima di concedere solo la posizione in primo piano e, se richiede l’accesso alla posizione anche dallo sfondo, l’app deve effettuare una richiesta di autorizzazione separata.

Questa seconda richiesta richiede che gli utenti seguano passaggi aggiuntivi; invece di premere ciecamente “ok ok, consenti” dal prompt. Quindi le app non hanno accesso a più dati del necessario.

Per abilitare l’accesso alla posizione in background, gli utenti devono impostare l’opzione “Consenti sempre” per l’autorizzazione alla posizione dell’app in una pagina delle impostazioni.

Oltre a questo, Google richiede anche agli sviluppatori di app Android di spiegare perché la loro app necessita dell’accesso alla posizione in background in primo luogo.

Quindi questa è stata una breve introduzione a tutte le importanti funzionalità di sicurezza e privacy disponibili per gli utenti di smartphone con l’ultimo Android 11.

Attenzione: nuovo spyware Android

[et_pb_section][et_pb_row][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text]

Un gruppo di hacker noto per i suoi attacchi in Medio Oriente, almeno dal 2017, è stato recentemente scoperto impersonare app di messaggistica legittime come Telegram e Threema per infettare i dispositivi Android con un nuovo malware precedentemente non documentato.

“Rispetto alle versioni documentate nel 2017, Android / SpyC23.A ha una funzionalità di spionaggio estesa, inclusa la lettura delle notifiche dalle app di messaggistica, la registrazione delle chiamate e la registrazione dello schermo e nuove funzionalità invisibili, come l’eliminazione delle notifiche dalle app di sicurezza Android integrate”, La società di sicurezza informatica ESET ha affermato in un’analisi mercoledì.

Descritto per la prima volta da Qihoo 360 nel 2017 con il soprannome di Two-tailed Scorpion (aka APT-C-23 o Desert Scorpion), il malware mobile è stato considerato “monitoringware” per la sua capacità di spiare i dispositivi di individui presi di mira, esfiltrando i registri delle chiamate , contatti, posizione, messaggi, foto e altri documenti sensibili nel processo.

Nel 2018, Symantec ha scoperto una variante più recente della campagna che utilizzava un lettore multimediale dannoso come esca per acquisire informazioni dal dispositivo e indurre le vittime a installare malware aggiuntivo.

Poi, all’inizio di quest’anno , Check Point Research ha dettagliato nuovi segni dell’attività di APT-C-23 quando gli operatori di Hamas si sono spacciati per ragazze adolescenti su Facebook, Instagram e Telegram per attirare i soldati israeliani a installare app infette da malware sui loro telefoni.

L’ultima versione dello spyware dettagliato da ESET espande queste funzionalità, inclusa la possibilità di raccogliere informazioni dai social media e dalle app di messaggistica tramite la registrazione dello schermo e gli screenshot, e persino acquisire le chiamate in entrata e in uscita in WhatsApp e leggere il testo delle notifiche dai social media app, tra cui WhatsApp, Viber, Facebook, Skype e Messenger.

L’infezione inizia quando una vittima visita un falso app store Android chiamato “DigitalApps” e scarica app come Telegram, Threema e weMessage, suggerendo che la motivazione del gruppo dietro l’imitazione di app di messaggistica è “giustificare le varie autorizzazioni richieste dal malware. “

Oltre a richiedere autorizzazioni invasive per leggere le notifiche, disattivare Google Play Protect e registrare lo schermo di un utente con il pretesto di funzioni di sicurezza e privacy, il malware comunica con il suo server di comando e controllo (C2) per registrare la vittima appena infettata e trasmettere le informazioni sul dispositivo.

I server C2, che in genere si mascherano come siti Web in manutenzione, sono anche responsabili della trasmissione dei comandi al telefono compromesso, che può essere utilizzato per registrare l’audio, riavviare il Wi-Fi, disinstallare qualsiasi app installata sul dispositivo, tra gli altri.

Inoltre, è dotato anche di una nuova funzionalità che gli consente di effettuare una chiamata furtivamente creando uno schermo nero in sovrimpressione per mascherare l’attività della chiamata.

“La nostra ricerca mostra che il gruppo APT-C-23 è ancora attivo, migliora il suo set di strumenti mobili ed esegue nuove operazioni. Android / SpyC32.A, la versione più recente dello spyware del gruppo, presenta diversi miglioramenti che lo rendono più pericoloso per le vittime”, ha affermato ESET .

Le app scaricate da app store fraudolenti di terze parti sono state un canale per il malware Android negli ultimi anni. È sempre essenziale attenersi a fonti ufficiali per limitare il rischio e controllare le autorizzazioni richieste dalle app prima di installarle sul dispositivo.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Ecco gli smartphone Samsung che verranno aggiornati Android 8.0 Oreo

Come molti produttori di dispositivi Android, nemmeno Samsung rivela con ampio anticipo quali sono i dispositivi che riceveranno gli ultimi aggiornamenti. Si tratta di un problema ancora presente sul sistema di Google, con il supporto software che termina in pochi mesi dopo il debutto al pubblico per moltissimi dispositivi. Samsung cerca di supportare i propri dispositivi per circa due anni, ma le tempistiche di rilascio dei nuovi update possono variare da dispositivo a dispositivo.

Nelle scorse ore è trapelata online una nuova lista dei dispositivi Samsung che riceveranno Android 8.0 Oreo, e fra questi troviamo sia smartphone e tablet. Non possiamo naturalmente confermare l’autenticità di quanto scritto in essa, tuttavia pare che provenga da un leaker noto per la sua affidabilità, ice universe. Nella lista compaiono gli smartphone più recenti del produttore, e anche alcuni modelli che non sono stai ancora ufficializzati pubblicamente.

Fra gli smartphone che riceveranno Android 8.0 Oreo ci sono ad esempio Galaxy S6, S6 edge ed S6 edge+, i Galaxy Note 5, 7 (FE) e 8, e anche un corposo numero di dispositivi delle fasce di mercato più basse, come gli A3, A5 e A8 sia del 2017 che del 2018 (non ancora lanciati, ma arriveranno probabilmente con Nougat). Ci sono anche parecchi modelli delle famiglie Galaxy J e Galaxy C, che rappresentano quelle a più buon mercato dei coreani.

 

Facebook lancia Order Food, servizio per ordinare cibo

Facebook lancia Order Food, servizio per ordinare cibo

Prima il Marketplace, ora la ristorazione: il piano totalizzante di Facebook prosegue a vele spedite. Oggi il colosso di Mark Zuckerberg ha lanciato la piattaforma “Order food”, servizio per ordinare cibo a domicilio direttamente dall’applicazione o dal sito del social network.

Il nuovo “tasto” a forma di hamburger è comparso nel menu di Facebook di tutti gli utenti degli Stati Uniti. Basta un tap per finire nello spazio dedicato ai ristoranti e procedere con l’acquisto.

L’annuncio è arrivato con un post sul blog ufficiale del social network, firmato da Alex Himel. Da oggi, scrive Himel, «è possibile sfogliare i ristoranti nelle vicinanze visitando la sezione Order Food nel menu Esplora. In questa pagina, è possibile sfogliare le opzioni alimentari e selezionare “Avvia ordine” quando hai trovato quello che stavi cercando. Se il ristorante al quale si desidera ordinare offre il ritiro o la consegna con più servizi, è possibile selezionare il servizio che si desidera utilizzare. Ad esempio, se hai un account con Delivery.com, puoi ordinare facilmente con il tuo login esistente. Se non hai un account con quel servizio, puoi registrarti rapidamente e facilmente, senza lasciare l’applicazione Facebook».

Dopo un anno di test, durante il quale Facebook ha fatto da traino verso i siti dei vari ristoranti che hanno siglato una partnership, la piattaforma oggi funziona in completa autonomia, cioè consentendo all’utente di concludere l’intero ordine senza abbandonare Facebook.

Fra i marchi convenzionati ci sono sia piattaforme di consegna cibo a domicilio (Delivery.com, DoorDash, ChowNow, Zuppler, EatStreet, Slice, e Olo) che ristoranti (Papa John’ s, Wingstop, Panera, Jack in the Box, TGI Venerdì, Denny’ s, El Pollo Loco, Chipotle, Five Guys e Jj). La piattaforma è stata ovviamente pensata con tool relativi alla localizzazione e spazi dedicati alle recensioni dei vari ristoranti. Per il momento funziona esclusivamente negli Stati Uniti ed è stata rilasciata con l’aggiornamento di Facebook disponibile per iOS e Android (oltre che sulla versione desktop).

Nokia 2 arriva il 5 ottobre con una batteria a lunga durata

Il Nokia 2 monterà un processore Snapdragon 212 e avrà un gigabyte di RAM. Dovrebbe essere presentato il 5 ottobre e lanciato a un prezzo di circa 150 euro

15 Settembre 2017 – Nokia è tornata, dopo un periodo di “riflessione”, ormai da diversi mesi, cercando di riprendersi una fetta di quel mercato che per anni aveva dominato. Dopo aver presentato il Nokia 8, il marchio finlandese, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe pronto a svelare un nuovo smartphone, il Nokia 2, forse in arrivo il prossimo 5 ottobre.

Immagini, che ritraggono quello che potrebbe essere il nuovo cellulare prodotto da HMD Global, sono apparse di recente in rete. Dagli scatti sembrerebbe che il Nokia 2 avrà uno schermo da 5 pollici con dei bordi sottili. Il display, comunque, non riserva particolari sorprese e sarà infatti un semplice, sempre facendo riferimento ai rumors, pannello HD. Il prossimo smartphone di Nokia avrà un corpo, come si evince dai render diffusi su internet, in policarbonato. Il cellulare sarà un dispositivo di fascia medio-bassa.

Caratteristiche Nokia 2

Spostiamoci all’interno. Il Nokia 2, stando ai presunti leaks, monterà due processori diversi, a seconda del mercato di destinazione. Il cellulare realizzato da HMD Global per conto dell’azienda finlandese, infatti, girerà con lo Snapdragon 210/212 o con un Mediatek. Per quanto riguarda le altre caratteristiche tecniche, i rumors sostengono che la memoria RAM del Nokia 2 sarà di appena un solo gigabyte. Probabilmente ci sarà, accanto alla versione con una singola scheda, quella dual-sim. Lo smartphone non avrà nessun lettore per le impronte digitali.

Sul fronte del comparto fotografico il Nokia 2 avrà una semplice fotocamera con LED Flash da 8 megapixel sul lato posteriore, mentre sulla scocca frontale il sensore è di 5 MP. La caratteristica più interessante dello smartphone finlandese, tratto distintivo dei vecchi telefonini di Nokia, è la batteria. Le indiscrezioni affermano infatti che il Nokia 2 avrà un’unità da 4000 mAh, che assicurerà al cellulare una lunga autonomia.

Prezzo e data di uscita Nokia 2

Il telefonino della società scandinava sarà presentato in due colori (almeno così si nota dalle immagini): nero e grigio. Se le notizie circolate in queste ore saranno confermate, il Nokia sarà lanciato il 5 ottobre e partirà da 160 dollari, meno di 135 euro secondo il cambio attuale.

Whatsapp, finalmente si può cancellare un messaggio inviato

 

Whatsapp, finalmente si può cancellare un messaggio inviato

 ‘Delete for Everyone’. Si chiama così la funzione che consente di cancellare i messaggi inviati con WhatsApp ad un contatto. Secondo l’account twitter @WABetaInfo, sempre informato sull’app di messaggistica, la novità è destinata a sbarcare in tempi brevi sugli smartphone degli utenti. “WhatsApp sta ultimando i test di Delete for Everyone: il server funziona e richiama i messaggi con successo. Anche se il server funziona, questo non significa che l’opzione sia comunque abilitata. Sarà attivata più avanti e visto che WhatsApp ha predisposto i suoi server per Delete for Everyone, l’abilitazione potrebbe essere imminente”, si legge. La funzione -associata negli ultimi mesi ai nomi Recall e Revoke- permetterà di cancellare, probabilmente entro 5 minuti, messaggi inviati e non ancora letti dal destinatario. La cancellazione riguarderà ogni tipo di contenuto: testo, immagini, video, Gif e documenti.

Xiaomi Mi Mix è uno spettacolo: Apple, guarda e impara

Xiaomi Mi Mix è uno spettacolo: Apple, guarda e impara

Xiaomi ha creato Mi Mix, uno smartphone praticamente senza cornici. Un prodotto innovativo, bello a vedersi ed estremamente potente.

 

xia

La cinese Xiaomi ha sformato Mi Mix, un bellissimo smartphone da 6,4 pollici. Al di là delle dimensioni, questo modello si differenzia dalla concorrenza per un corpo ceramico e la quasi totale assenza di cornici: lo schermo copre il 91,3% del dispositivo. Ciò consente al Mi Mix di avere dimensioni simili a uno smartphone da 5,7 pollici.

xiaomi-

l Mi Mix si discosta dalla concorrenza e rappresenta uno scatto in avanti per Xiaomi, un evidente tentativo di giocare al tavolo dei leader del settore, Apple e Samsung. Non a caso è frutto di una partnership con il noto designer francese Philippe Starck e di un lavoro di progettazione di circa 2 anni.

xiaomi

Il Mi Mix tanto bello fuori quanto potente dentro con un processore Qualcomm Snapdragon 821 a 2,35 GHz, 4 GB di memoria LPDDR4e 128 GB di spazio d’archiviazione UFS 2.0. C’è anche un modello chiamato Mi Mix 18K con lo stesso processore, 6 GB di RAM, 256 GB di spazio di archiviazione UFS 2.0 e una finitura in oro 24 carati attorno al sensore d’impronte posteriore e alla videocamera.

xiao

All’interno dello smartphone c’è una batteria da 4400 mAh con supporto Quick Charge 3.0. Non mancano la connettività LTE, Wi-Fi, NFC e l’audio Hi-Fi (192 kHz / 24-bit).

Il design del prodotto ha imposto a Xiaomi di abbandonare il tradizionale sensore di prossimità per un sensore di distanza ultrasonico. Al posto dello speaker tradizionale c’è inoltre una tecnologia chiamata “cantilever piezoelectric ceramic acoustic“. In parole povere questo nuovo sensore irradia le vibrazioni della voce tramite il vetro, permettendo di sentire una chiamata anche senza lo speaker tradizionale.

444

Non manca una fotocamera posteriore con sensore da 16 megapixel e PDAF (Phase Detection Autofocus). La fotocamera frontale da 5 megapixel è posta in un punto diverso dal solito, vicina al fondo dove c’è una piccola parte di cornice. Per questo fotocamera l’azienda si è avvalsa di un sensore personalizzato che è il 50% più piccolo rispetto a un sensore analogo.

6666

Il Mi Mix sarà disponibile dal mese prossimo in Cina a 3499 yuan (516 dollari, 474 euro) nella versione 4 GB / 128 GB mentre costerà 3999 yuan (590 dollari, 542 euro) nella variante “Mix 18K”.